Principi fondanti della cooperazione

La società cooperativa è caratterizzata da sette principi fondanti:

  1. UNA TESTA UN VOTO Qualunque sia il capitale sottoscritto, il valore del socio in assemblea è sempre uguale ad uno.
  2. LA MUTUALITA’ INTERNA Il fine è realizzare scambi con i soci, cioè far trovare loro condizioni di mercato migliori rispetto a quelle che troverebbero autonomamente.
  3. LA MUTUALITA’ ESTERNA Favorire la nascita di nuove cooperative e contribuire in generale allo sviluppo e al miglioramento del sistema cooperativo e quindi della società nella quale operano: a questo fine, ad esempio, tutte le cooperative destinano il 3% dei propri utili ad un fondo finalizzato allo sviluppo della cooperazione.
  4. LA NATURA NON SPECULATIVA La tassazione sugli utili è agevolata. Tuttavia essi non sono interamente distribuibili ai soci, ma possono essere usati, solo in parte, per remunerare ulteriormente il lavoro o i servizi che costituiscono lo scopo della cooperativa. Al momento dello scioglimento, i soci devono devolvere il patrimonio ai fondi che perseguono lo sviluppo della cooperazione, non potendo dividerselo.
  5. LA PORTA APERTA La cooperativa è una struttura aperta. Chiunque ne condivida i principi può chiedere di farne parte, ed essa può accettare purché sia in grado di soddisfare il bisogno di lavoro o di servizio.
  6. LA SOLIDARIETA’ INTERGENERAZIONALE La cooperativa tende a conservarsi e a crescere nel tempo, alimentando un circuito virtuoso d’investimento e innovazione ed il trasferimento delle competenze e dei patrimoni fra soci anziani e soci giovani.
  7. LA SOLIDARIETA’ INTERCOOPERATIVA Tra le cooperative si attuano forme di solidarietà sia nello sviluppo che nel consolidamento. Ciò consente di essere parte di un movimento che vuole affermare valori di efficienza e di solidarietà.