Arrivano dal Mare, il festival di burattini arriva alla 44esima edizione

Dal 21 al 30 settembre la Romagna ospita il Festival Internazionale dei Burattini e delle Figure “Arrivano dal Mare!”. Giunto alla quarantatreesima edizione è uno dei più antichi festival italiano di teatro di figura.

Organizzato dalla storica compagnia e Famiglia d’Arte Monticelli/ Teatro del Drago in collaborazione con i Comuni di Ravenna, Gambettola, Cervia, Longiano e Gatteo, la Regione Emilia Romagna e il Ministero per i Beni e le Attività Culturali, il Festival presenta il lavoro artistico di alcune fra le migliori realtà teatrali di Figura a livello nazionale ed Internazionale. Fra gli ospiti a Ravenna: il Maestro Mimmo Cuticchio, di ritorno dall’ esperienza di Roncisvalle (22 Settembre, ore 21, Chiesa di San Damiano), la Compagnia Marionettistica Carlo Colla e Figli con la nuova produzione Marionette che Passione! (23 Settembre, ore 11, Teatro Rasi) un piccolo viaggio/dimostrazione nella storia e nell’incredibile tecnica di manipolazione della più rinomata compagnia di marionette italiana; il mirabolante Teatro dei piedi di Laura Kibel, a metà strada tra mimo e burattini; l’eclettico Claudio Cinelli, la cui produzione artistica spazia dal Teatro di Figura all’Opera lirica, sperimentando contaminazioni fra i due generi e dando così vita ad una poetica originale ed unica; il catalano Carles Canellas, Rocamora Teatre, con la sua ultima creazione dove la “Marionetta neutra”acquista caratteri e movenze in base alle maschere che indossa o ancora la compagnia sarda Is Mascareddas che porterà in scena il suo intramontabile Areste Paganos e la loro ultima produzione, Venti Contrari, dedicata a Giuseppina e Albina Cotroneo per la regia dell’austriaca Karin Koller (24 Settembre, ore 21, Artficerie Almagià) le ultime due produzioni delle compagnie ravennati Drammatico Vegetale/Ravenna Teatro, “Leo, uno sguardo bambino sul mondo”, dedicato a Leonardo Da Vinci e Teatro del Drago con il “Concerto per Burattini e Musicanti” e ancora lo spettacolo “Angelo” del Teatrino dell’Erba Matta, vincitore della quinta edizione de “I Teatri del Sacro” e “ Gretel e Hansel” ultima produzione di Mirto Baliani per il Teatro delle Briciole.

 

 

Fra i “giovani e i giovanissimi” : David Zuazola con il suo Game of time, frutto della regia di sette diversi artisti internazionali; Nuovo Eden di Jessica Leonello/ Chronos 3. E poi ancora il teatrino poetico del norvegese Jaap den Hertog, Teater Fusentast , con il suo “ The Parisian Pillow case” e lo spettacolo per i piccolissimi “ A spasso con Olivia” ( dai 18 mesi) ultima produzione del CTA di Gorizia ed il gradito ritorno di Horacio Peralta nella doppia veste di insegnante e di performer, con lo spettacolo Il Titiritero.

“Il Festival internazionale di burattini e del teatro di figura – hanno sostenuto il sindaco di Ravenna Michele de Pascale e l’assessora alla Cultura Elsa Signorino – che quest’anno, nell’edizione di Ravenna, si presenta ancora più ricco di iniziative, è un evento che salutiamo sempre molto volentieri e con entusiasmo. La rassegna porta avanti una tradizione antica quanto la nostra cultura che merita di essere seguita e sostenuta per le implicazioni morali e valoriali portate in scena e per il pubblico cui si rivolge. Da sempre il mondo dei burattini affascina e incanta adulti e bambini che, grazie alle storie raccontate, possono acquisire una propria visione del mondo anche attraverso la lente salvifica dell’ironia e dell’umorismo”.

Un Festival che ha come titolo GenerAzioni, perché oltre agli spettacoli , ospiterà il 24 settembre presso la Sala Convegno dell’Autorità Portuale di Ravenna, Il convegno internazionale “Per una scuola Nazionale di Teatro di Figura” ideato e organizzato in collaborazione con Teatro Gioco Vita, Teatro delle Briciole e Teatro del Buratto; il masterclass dal 21 al 28 Settembre La Bottega dei Burattini , insegnanti Horacio Peralta, Natale Panaro, Mauro Monticelli, Andrea Monticelli; la mostra inedita in Emilia Romagna, La crudele storia – Personaggi dell’Opera dei Pupi a Napoli, inaugurazione alle ore 18 del 25 settembre presso Palazzo Rasponi delle Teste di Ravenna a cura del museo IPIEMME (International Puppet Museum di Castellammare di Stabia) e della Compagnia degli Sbuffi. La mostra fotografica “Burattinai!!!!!! “ a cura di Mauro Foli, l’incontro a Longiano, presso il Foyer del Teatro Petrella sull’editoria e il Teatro di Figura a cura del Professor Alfonso Cipolla, per fare il punto sulle pubblicazioni e sulle nuove case editrici nate in Italia e per presentare il libro di Gigio Brunello “Tragedie e Commedie per tavoli e baracche”; due incontri di carattere nazionale presso il Museo La casa delle Marionette: Festival in Rete alla presenza del Presidente dell’Associazione dei Teatri di Figura Piero Corbella, del vice presidente di Italia Festival Franco Belletti e di Roberta Colombo rappresentante dell’International Festival Commission dell’Union Internationale de la Marionnette (UNIMA)- sabato 22 settembre alle ore 10 e la presentazione dell’Almanacco UNIMA per la promozione e valorizzazione del Teatro di Figura a cura del Centro Nazionale UNIMA Italia, alla presenza del Presidente Aldo de Martino e del segretario generale Veronica Olmi.

Fra le azioni, di grande importanza il 29 settembre presso l’ex Macello di Gambettola l’Adunanza Burattineide : una tavola rotonda che vedrà la presenza dei più grandi Burattinai Italiani di Tradizione ( Cortesi, Comentale, Paparotto, Cason), dalle Famiglie d’Arte ( Niemen, Monticelli, Spinelli, Jaboli) alle giovani generazioni e al rapporto con i loro Maestri (Mattia Zecchi, Romani Danielli, Riccardo Pazzaglia, Demetrio Presini); alla tradizione che incontra la sperimentazione ( Gaspare Nasuto, Patrizio Dall’Argine).

Le ultime giornate del Festival si svolgeranno nella zona cesenate fra Longiano, Gambettola e Gatteo e saranno focalizzate sul Teatro dei Burattini con una non stop di 40 ore fra sabato 29 e domenica 30 settembre. Spettacolo imperdibile “ La Ginevra degli Almieri” Sabato 29 ore 21, Teatro Comunale di Gambettola con Romani Danielli, Marco Jaboli, William Melloni, Moreno Pigoni, Riccardo Pazzaglia, Mattia Zecchi, Grazia Punginelli, Milena Fantuzzi.

Nessuna parola chiave assegnata