Fragilità e Giustizia, venerdì 18 gennaio convegno a Forlì

Venerdì 18 gennaio 2019 a Forlì la Cooperativa Sociale Tragitti e Legacoop Romagna organizzano la tavola rotonda pubblica dal titolo “Fragilità e Giustizia. Uguali nella differenza: esercizio dei diritti e sicurezza della società”. 

L’evento si terrà alla Sala Nassiryia della Provincia e si aprirà con i saluti del Sindaco Davide Drei e del direttore generale di Legacoop Romagna, Mario Mazzotti. Dopo la relazione introduttiva della presidente di Tragitti, Patrizia Turci, avrà inizio la tavola rotonda a cui prenderanno parte il Sottosegretario alla Giustizia, Jacopo Morrone, la vicepresidente della Regione, Elisabetta Gualmini, il docente di Psichiatria sociale dell’Università di Trieste, Giuseppe Dall’Acqua e il Direttore delle attività socio-sanitarie AUSL Romagna, Mirco Tamagnini.

Concluderà l’evento il presidente di Legacoop Romagna, Guglielmo Russo. Modera i lavori il giornalista Emilio Gelosi.

RSVP | È gradito un cenno di riscontro: forli@legacoopromagna.it 0543.785410 | Info@cooptragitti.it | 0543.32929

IL CONTESTO

Nell’ 800 la follia veniva trattata in luoghi che, nati per curare, acquisirono un ruolo di controllo sociale. Luoghi non di cura della malattia, ma di oppressione e violenza, che non garantivano nemmeno la sicurezza per i cittadini “sani” .

Alla fine del 900, con la legge 180/78, si comprese che la libertà è terapeutica: la malattia mentale può e deve essere trattata nel contesto sociale. I risultati, per il paziente e per la società, sono infinitamente migliori, ma non mancano le sfide. Come rispondere al legittimo bisogno di sicurezza dei cittadini di fronte alla differenza di condizione? Come rapportarsi con le comunità, le istituzioni, il sistema della Giustizia, di fronte a percorsi di cura che non sono più di segregazione, ma di apertura? La scienza medica non ha dubbi sull’efficacia di questo approccio, ma i dubbi permangono in molti, specie in un’epoca in cui la sicurezza è posta tra i bisogni primari. Occorre dialogo e capacità di ascolto in tutte le parti coinvolte.

La discussione partirà da questi temi, prendendo spunto dalla psichiatria per allargare il confronto a tutte le fasce di fragilità sociale.

Nessuna parola chiave assegnata