Generazioni Romagna, Lorenzo De Benedictis è il nuovo coordinatore dei giovani cooperatori [foto]

Passaggio di consegne in Generazioni Romagna, il network dei cooperatori under 40: il nuovo coordinatore è Lorenzo De Benedictis, 27enne di Bagnacavallo. L’assemblea si è svolta a Forlì lo scorso venerdì presso la sede di Formula Servizi, alla presenza del coordinatore uscente Rudy Gatta, del presidente di Legacoop Romagna Guglielmo Russo, del portavoce regionale di Generazioni Luca Stanzani. Si tratta di una naturale ripartenza per i giovani cooperatori, che hanno costituito un nuovo gruppo di lavoro sulla base del ricambio generazionale in atto.

 

Da sinistra: Lorenzo De Benedictis, Guglielmo Russo, Rudy Gatta e Luca Stanzani

 

«La partecipazione è stata molto alta – commenta De Benedictis, che all’interno di Legacoop Romagna segue il settore Servizi e Lavoro – a conferma del fatto che i temi che porta avanti Generazioni sono molto sentiti all’interno delle cooperative». Il network degli under 40 si occupa in particolare di lavoro, formazione, innovazione, ricambio generazionale, legalità e rapporti con l’Europa, creando occasioni di coinvolgimento dei giovani cooperatori sui principi e i valori fondanti della cooperazione quali la mutualità, la solidarietà e la sostenibilità.

«Crediamo fermamente in questo spazio aperto per la crescita di una nuova generazione di cooperatori», dice il presidente di Legacoop Romagna, Guglielmo Russo. «Nel movimento cooperativo le generazioni sono abituate a collaborare insieme ed è fondamentale porsi il tema del passaggio del testimone all’interno delle aziende. Se vogliamo però che questo meccanismo funzioni occorre preparare percorsi di “governance” per tempo, riempiendoli di contenuti reali e lavorando con le basi sociali secondo i principi di democrazia economica che sono propri della cooperazione. In un momento in cui l’intreccio tra crisi economica e competizione globale è più forte occorre che i nuovi dirigenti cooperativi siano in grado di incrociare i valori cooperativi e le competenze che richiede il mercato».

«Questi anni dalla nascita di Generazioni fin qui sono stati molto belli, sia dal punto di vista umano che da quello formativo», aggiunge il coordinatore uscente Rudy Gatta. In questo mondo dove le disparità aumentano invece che diminuire c’è ancora più bisogno di buona cooperazione e quindi di nuovi cooperatori. Il mio augurio va a chi avrà questo compito, i nuovi cooperatori al lavoro per la futura cooperazione».

 

Parole chiave: IN PRIMO PIANO