Guglielmo Russo entra nella presidenza nazionale di Legacoopsociali

Il presidente di Legacoop Romagna Guglielmo Russo è entrato a far parte della presidenza nazionale di Legacoopsociali, l’associazione di riferimento del settore, con sede a Roma. È la prima volta che un cooperatore romagnolo viene nominato nell’organismo di governance centrale, a riconoscimento della forza che il comparto esprime nel nostro territorio. Tra i suoi compiti principali nella presidenza nazionale ci sarà quello di tenere i rapporti con il Governo e i Ministeri, in particolare del Lavoro e dell’Economia, in tutti i diversi livelli di contrattazione.

 

 

In provincia di Forlì-Cesena le cooperative sociali iscritte a Legacoop Romagna sono una ventina, con quasi 5mila soci e oltre 3mila occupati, mentre nel complesso sono più di 60 le cooperative dell’area vasta che hanno partecipato al percorso congressuale concluso a metà novembre con il rinnovo degli organi associativi. In totale la cooperazione sociale romagnola può contare su oltre 10mila soci e circa 6mila occupati, incluse le aziende “fuori sede”.

Russo, oltre a essere presidente di Legacoop Romagna, è presidente di CAD, grande cooperativa sociale di Forlì che dà lavoro a 850 persone, di cui oltre 600 soci, e ha da poco festeggiato i 40 anni di attività.

Gli altri componenti della presidenza, nominati dalla direzione nazionale, sono la presidente Eleonora Vanni, il vicepresidente vicario Alberto Alberani, Paolo Petrucci, Eva Coccolo, Marta Battioni, Antonio Musto, Gianluigi Bettoli, Michela Vogrig, Franca Guglielmetti, Massimo Ascari, Giovanni Calabrese, Marco Paolicchi, Andrea Bernardoni, Alessandra Garavani, Anna Vettigli, Marco Carducci, Giacomo Smarrazzo, Domenico Arena, Amedeo Duranti, Loris Cervato.

Nessuna parola chiave assegnata