Positivo il bilancio 2018 della cooperativa Bonifica Lamone

La cooperativa Bonifica Lamone ha invertito la tendenza negativa degli ultimi anni, grazie alle scelte che il consiglio di amministrazione ha compiuto a partire dal 2017: il risultato è testimoniato dal bilancio 2018, approvato nell’assemblea dell’8 maggio, che è stato chiuso con un utile di esercizio. 

Il risultato è frutto soprattutto della strategia di riorganizzazione del reparto amministrativo che ha permesso alla cooperativa di ridurre notevolmente i costi. L’operazione  avvenuta anche grazie al supporto dei consulenti di  Federcoop Romagna, da cui sono venute le indicazioni iniziali che il Cda ha poi trasformato in scelte effettive. Nel prossimo triennio il cda punterà a mantenere e consolidare, i rapporti di collaborazione soprattutto con le strutture cooperative del territorio.

Un elemento che ha permesso di chiudere un bilancio positivo è la crescita del rapporto commerciale con Terremerse: la Bonifica Lamone ha potuto ridurre i costi di acquisto delle agroforniture e migliorare le marginalità. Altri elementi che hanno contribuito al buon risultato sono le collaborazioni con la struttura Sopred, per quanto riguarda i lavori in campo sull’erba medica destinata al disidratatore e i conferimenti della paglia dei nostri soci, e con le cooperative a vicine, in particolare con la Cooperativa Agrisfera, nei lavori motoculturali.

L’assemblea è stata anche l’occasione per rinnovare le cariche sociali per il triennio 2019-2022. 

I soci hanno riconfermato quasi in toto sia i componenti del cda che quelli del Collegio Sindacale. Attualmente il Consiglio della Bonifica Lamone è composto dal presidente Giovanni Campana, affiancato dai vicepresidenti Fabrizio  Francisconi e Andrea Montanari. I consiglieri sono Carlo Allegri, Umberto Cimatti, Massimo Errani, Paolo Oliviero Foschini, Fabio Gambetti, Antonella Gillini, Giovanni Rabiti, Sauro Tondini. Il Collegio Sindacale è composto dal presidente Alessandro Brunelli e dai sindaci effettivi Piertommaso Caldarelli e Sofia Martini.

Nessuna parola chiave assegnata