L’intervista a Jean Paul Fitoussi nel nuovo numero della Romagna Cooperativa

Un diniego motivato alle politiche di austerity dell’Unione Europea: è quello che emerge dall’intervista all’economista francese Jean Paul Fitoussi che troviamo in apertura del numero 2/2015 della Romagna Cooperativa insieme all’editoriale sulle possibili conseguenze della nuova legge di stabilità per le cooperative sociali. Il timone del mensile della cooperazione romagnola prosegue con un articolo sul percorso formativo “Manager d’impresa locale per lo sviluppo globale” promosso da Legacoop Romagna e 4Progress, il cui obiettivo è inserire 12 brillanti laureati in altrettante imprese del territorio.

rc201502_febbraio_ok_web

 

La prima parte del giornale contiene anche l’annuncio del convegno “Lo strano caso delle cooperative rosse” che vedrà tra i protagonisti il presidente di Legacoop nazionale Mauro Lusetti il prossimo 19 marzo a Forlì.

Nello spazio dedicato ai giovani cooperatori ospitiamo la presentazione di due imprese: i giornalisti di Fucina798 inaugurano il viaggio tra le realtà che si occupano di comunicazione all’interno di Legacoop Romagna, mentre gli archeologi di In Terras presentano la loro ampia gamma di servizi.

Le news dai settori si aprono con la certificazione SA8000 di Formula Ambiente, gli aggiornamenti dal porto di Ravenna e l’impegno di COIEC per riportare la luce nelle zone colpite dal maltempo di inizio febbraio. Completano il quadro le foto dell’inaugurazione della comunità per minori “Terraferma” della Vela Onlus.

Nella cultura parliamo del nuovo libro dell’editore cooperativo Edit Sapim sui bombardamenti aerei durante il passaggio del fronte in Romagna. Infine in memoria di Romeo Lombardi, scomparso un anno fa, pubblichiamo un ampio stralcio del suo “testamento spirituale”.

Tornano infine, come di consueto, le rubriche di Cristian Maretti, Emanuele Chesi, Manuel Poletti, Davide Buratti, Fabio Gavelli e Stefano Tacconi.

Parole chiave: IN PRIMO PIANO